I pregi di un’accompagnatrice: tra cultura e savoir faire

[Voti: 2   Media: 4.5/5]


Il lavoro di una escort spesso viene confuso a livello sociale con quello di una prostituta. E’ una confusione che va corretta, perché sminuisce la professionalità e la preparazione di una donna che fa davvero il lavoro di accompagnatrice.

Le caratteristiche di una Escort professionista e professionale

Accompagnatrice professionaleUn’accompagnatrice deve essere una donna formata e preparata in questo lavoro, adatta ad accompagnare un uomo in ogni occasione in cui, per motivi professionali o sociali, non debba, non voglia o non possa presentarsi da solo. Qui entra in gioco la escort, quella vera: un’accompagnatrice professionista, con determinate caratteristiche e una precisa professionalità, che non si improvvisa. Ingenuamente, spesso quando si parla di accompagnatrici si pensa che l’unico requisito sia la bella presenza, e non c’è nulla di più sbagliato: in realtà i pregi di un’accompagnatrice sono di ben altra natura, e decisamente più importanti.
Se l’evento è una festa, un ricevimento, una cena, o una qualunque occasione di tipo sociale, l’accompagnatrice si troverà a dover certamente interagire con gli altri convenuti: di conseguenza non dovrà fare semplicemente la “bella statuina”, ma anche colloquiare, pertanto è necessario che abbia doti di savoir faire eccellenti, affiancate da una solida preparazione nel campo del sapersi presentare, nelle buone maniere, nell’essere un’eccezionale figura esperta di galateo. Se c’è molto da parlare e interagire, è necessario anche che l’accompagnatrice sia una persona di buona cultura, in grado di parlare di diversi argomenti senza essere impreparata: deve conoscere i principali eventi di attualità, deve avere una panoramica di cultura generale al di sopra della media, deve poter assumere maggiormente un ruolo da donna intellettuale, piuttosto che da bella donna che fa scena muta.

L’accompagnatrice non è semplicemente una bella donna da ammirare come un quadro, messa accanto al suo cliente, che deve fare bella figura, ma ha un ruolo attivo nel ben figurare. Accompagnatrice e cliente formano una coppia a tutti gli effetti , ed è compito dell’accompagnatrice fare in modo che ci sia intesa e che funzioni, non solo dal punto di vista della presenza, ma anche socialmente, l’aspetto culturale di un’accompagnatrice è fondamentale, e necessita modi di fare eleganti e ben educati.

L’Escort che ti accompagna è un riflesso di te.

Accompagnatrice di classeChi ti accompagna rappresenta chi sei: una escort professionale sarà in grado di trasmettere al resto dei convenuti una sensazione positiva, perché tutte le caratteristiche di riflesso verranno proiettate sul cliente. Chiaramente, per poter fare tutto questo, c’è bisogno di un’adeguata preparazione, per questo motivo il mestiere dell’accompagnatrice non può essere improvvisato ma è frutto di preparazione ed esperienza: l’escort professionista non è semplicemente una bella donna che riesce a non cadere o prendere storte mentre cammina sui tacchi ma, pur avendo il portamento di un’indossatrice, sa essere spigliata nelle conversazioni e riesce a parlare di attualità, di moda, di pittura, di mostre fotografiche, di tutto ciò che è necessario per vincere la sfida del dare una buona immagine. Normalmente un’accompagnatrice di successo impiega anni per raggiungere risultati di eccellenza.

Un’accompagnatrice professionale: la bellezza da sola non basta!

Un’accompagnatrice improvvisata rischia di trovarsi ad una mostra d’arte rivelando, con qualche passo falso, di non capire nulla d’arte, questo è quello che ad una professionista non dovrebbe mai succedere. L’investimento nell’immagine è un argomento molto vasto:  il buon vestito firmato alla moda o l’auto di lusso non bastano se non si ha al proprio fianco la donna giusta, che fa ben figurare. Esistono in Italia delle agenzie professionali che forniscono accompagnatrici altamente qualificate, con la dovuta esperienza nel settore. Grazie alle agenzie, è possibile anche trovare accompagnatrici in caso di viaggi di lavoro in altre città, o anche all’estero. Chiaramente l’argomento non si esaurisce in queste poche righe, ma è bene rimarcare un concetto fondamentale: quello dell’accompagnatrice è un mestiere senza nulla di immorale, non è affatto una forma di prostituzione ed è un lavoro più complesso, poiché l’accompagnatrice deve dare di sè un’immagine articolata e che non si limiti solo al bell’aspetto fisico.

Quindi possiamo concludere dicendo che l’accompagnatrice professionista affianca il suo cliente, fa coppia con lui, gli è complice, e gioca un ruolo incredibilmente attivo e positivo nella costruzione di un’immagine: una figura professionale di questo tipo può essere utile a manager di alto livello, capitani d’industria, politici, scienziati, artisti, scrittori, e tutte quelle persone che necessitano di sostenere incontri pubblici senza dover dare l’impressione di essere soli, ma al contrario hanno bisogno di essere affiancati da una donna con stile e personalità.

 

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.